Jacques Villeneuve approdò in F.1 nella stagione 1996, a poco meno di 25 anni, cominciando a calcare lo stesso palcoscenico che aveva consacrato il funambolico padre Gilles, tragicamente scomparso nel 1982.

Il giovane Jacques fece il proprio ingresso nella massima serie con in tasca un biglietto da visita “pesante”, a cui il Team Williams diede un ingaggio: fu infatti sesto al debutto nel Campionato Cart 1994.

L’anno successivo si laureò Campione della serie statunitense, conquistando anche la 500 miglia di Indianapolis.

Nel 1996, alla sua prima gara in Australia, centrò la pole position rimanendo per molti giri in testa, prima di ritirarsi per una perdita di olio.

Chiusa la stagione al 2° posto dietro al compagno di squadra Damon Hill con 4 vittorie e 10 podi all’attivo, Jacques si presentò al mondiale 1997 con l’iride come obbiettivo da conquistare.

Anche se la crescita prestazionale del tedesco Schumacher con il Team Ferrari ne complicò la missione con un vero testa a testa, un contatto tra i 2 costò il ritiro a Schumacher, autore di una “sportellata” ai danni di Jacques, a cui bastò il terzo posto per il sospirato alloro.

Jacques Villeneuve concluse la cavalcata trionfale conquistando l’alloro mondiale nel 1997 con 81 punti, frutto di sette vittorie, un 3° posto e un paio di preziosi piazzamenti.

In dieci delle diciassette prove del calendario, centrò la pole position.