Quando il progettista Gordon Murray disegnò una vettura totalmente nuova, la Brabham Bt 55, molto bassa e che obbligava il pilota in posizione quasi sdraiata e per questo  soprannominata “sogliola”, si costrinsero allo scopo i tecnici Bmw a rivedere il progetto del motore.

Riprogettato inclinandolo a 70° su un fianco, per poterlo installare sulla vettura nel tentativo di rendere più puliti i flussi d’aria che investono la vettura durante il movimento e ottenere una maggiore deportanza.

La vettura fu un disastro sia in prestazioni che affidabilità e, durante un test privato per cercare migliorie aerodinamiche a Le Castellet, il pilota italiano Elio De Angelis perse la vita.

Il 1986 si rivelò quindi per il Team Brabham una stagione nel complesso disastrosa.